chris (kimmy_dreamer) wrote,
chris
kimmy_dreamer

The North Remembers. (aka "tentativo di review di Game of Thrones 2x01")

Giusto perchè ho come il sentore che non riuscirò a fare nulla di simile nelle prossime settimane, ho deciso di palesare in maniera almeno semi-coerente i miei sproloqui mentali circa la 2x01 di Game of Thrones.
Cercherò di limitare il più possibile gli spoiler per ciò che deve ancora venire, ma sappiate che qualcosina potrebbe scappare.
Insomma. Three, two, one... go.


  • In linea generale, sono decisamente soddisfatta. Chiaramente guardarlo avendo letto i libri è tutta un'altra storia - per quanto si tratti di un adattamento e blablabla - e uno usa un occhio più critico, però devo dire che mi è piaciuto. C'è un po' tanta carne al fuoco, ma credo sia normale, considerando che essendo il primo episodio uno cerca di mostrare il più possibile, perchè chi guarda possa farsi un'idea generale di ciò che sta succedendo. Se pensiamo al primo episodio della scorsa stagione, d'altra parte, mezzo mondo era a Winterfell, ergo bastava mostrare quello che succedeva lì - eccezion fatta per i Targaryen & compagnia. Adesso le cose sono chiaramente più complicate. Mi è piaciuta molto l'idea della cometa come "filo conduttore", tra l'altro.
  • ROBB (aka 'my sun and stars' aka 'love of my life, you hurt me' aka 'insert dichiarazione d'amore a caso'). Io provo un amore sconfinato per quest'uomo, il che ammetto che possa apparire ambiguo nonchè fuorviante, se si considera che è interpretato da un rispettabile membro della razza sex-on-legs. Il punto è che, siamo tutti d'accordo circa il sacrosanto principio che la bellezza fisica non equivalga alla bellezza di un personaggio, ma dall'altra parte amare un personaggio fisicamente bello non fa necessariamente di una fan una bimbaminkia. (Che poi, se vogliamo, la ridicolezza sta a monte di tutto ciò, visto che la bellezza è una cosa soggettiva, ma vabbeh). A volte sento parlare dell'inettitudine di Robb; a me, onestamente, sembra tutto meno che inetto. Un ragazzo che a quindici anni cagati - ammettiamo anche che nella serie TV siano un po' di più, ma non mi sembra certo un gran veterano di guerra - dopo la morte di suo padre si ritrova circondato da persone che vedono in lui il loro re, si proclama tale perchè crede che in fondo sia la cosa giusta (e NON perchè nutra tutto questo desiderio sconfinato di mettersi la corona in testa - a proposito, la corona. DOV'E'?!), e vince una battaglia dietro l'altra fino a mettere in serie difficoltà mister Tywin Lannister. Io ad uno così non ci sputerei proprio sopra. Senza considerare che secondo me i suoi termini, visto e considerato quello che ha passato, sono abbastanza sensati. Se io sedessi sul Trono di Spade, o se fossi il legittimo erede (quindi Stannis), chiaramente non impazzirei di gioia davanti a qualcuno che mi vuole togliere un abbondante pezzo di regno, ma a volte uno dovrebbe pensare a quale sia effettivamente il male minore. Come dicevo prima, Robb credo che ne farebbe volentieri a meno, di tutto questo. E il caro Renly, gioia di mamma, che tutti - me compresa - amiamo tanto, non mi pare si basi su principi tanto più fondati o maturi, o forse sono io a non cogliere l'insita maturità nel ragionamento "tutti mi vogliono bene quindi il trono è mio".
  • MA tornando all'episodio, sono contenta della scelta di dedicare a Robb più spazio di quello che ha in A Clash of Kings, e insomma, se il tenore delle sue scene è destinato a rimanere quello di questa puntata, posso dirmi decisamente soddisfatta. La sequenza con Jaime l'ho trovata pure gold, il che non è sempre scontato quando le scene non sono direttamente tratte dai libri. Ho amato amato amato la loro interazione, non sto a dilungarmi su cosa mi sia piaciuto di più perchè credo che dovrei citare ogni battuta di entrambi. E porca vacca, cosa non è diventato Grey Wind? *O* 
  • La scena dei termini di pace (a tal proposito, Alton Lannister chi...? Non era Cleos Frey?) mi fa venire le lacrime agli occhi per quanto è perfetta, e amo la devozione degli uomini di Robb. Il che ci porta direttamente a quei due minuti con Theon, centoventi secondi che comunque bastano per spararti una cannonata al cuore (specie a chi conosce gli sviluppi futuri). Io non li shippo in *quel* modo, non riesco a vederci niente di diverso dall'amicizia, ma non per questo amo di meno il loro rapporto. Quel 'non devi chiamarmi Maestà quando non c'è nessuno in giro' è stato meraviglioso, avrei solo voglia di prenderli, rimetterli a Winterfell e pregarli di stare lì per il resto della loro vita, felici e contenti e che si fotta la guerra. 
  • Cat <3 io amo questa donna, è uno dei miei personaggi preferiti ed è stata una delle prime a portarmi a formulare il ragionamento (successivamente consolidato dalle varie Brienne, Margaery, Sansa, Arya -- e sì, anche Cersei) che una delle cose che amo di più di ASoIaF è quanto immensamente FIGHI siano i personaggi femminili #period. Inoltre trovo che Michelle Fairley sia fantastica nel ruolo. Ho amato - as usual - l'interazione con Robb e il modo in cui alla fine si fida di lui e si arrende a fare ciò che lui le chiede. E oddio, diciamo che tutta la trafila del 'saremo insieme un giorno', piuttosto che 'tuo padre sarebbe così fiero', se da una parte mi farebbe annegare in un mare di melassa, diciamo pure che con il senno di poi mi ammazza definitivamente. #RIPkimmy #OHROBB
  • King's Landing. Joffrey è magnificamente e meravigliosamente lui, fa cascare le braccia e le palle anche a chi non le ha, quindi insomma, tutto nella norma. Ho amato la scena del torneo, anche se mi sono venuti i brividi alla schiena per il povero Ser Dontos ç_ç (sul serio, che cosa creepy. Mi ha dato abbastanza problemi.) I Lannisterini, che bellezza >//////< Myrcella è stupenda. E Tyrion-- okay, dedicherò un punto a lui nello specifico, mi sembra il minimo, ma TYRION OH TYRION. La perfezione fatta a folletto.
  • Tyrion, appunto. Okay, avendo letto i libri non era tutto questo mistero il fatto che avrebbe avuto un ruolo decisamente importante, ma amo da morire come lo stanno gestendo. Roba che sembra davvero di vedere le scene, i discorsi, le ESPRESSIONI uscire fuori dalle pagine, il che è sempre una sensazione dolorosamente grandiosa. Peter Dinklage potrebbe portarsi di nuovo a casa tutti i premi, tranquillamente e a mani basse. 
  • Cersei! Okay, io amo il suo personaggio, per quanto non susciti sempre il mio affetto. Una delle cose che più apprezzo di questa parte della storia è il modo in cui viene fuori la sua fragilità - il suo lato più umano, se si vuole - per quanto lei lotti con le unghie e con i denti per rimanere se stessa. La scena con Littlefinger, 'power is power', era da standing ovation (DIO MIO QUANTO MI INQUIETA QUELL'UOMO -- peraltro, questa fuga alla ricerca di Arya mi suona nuova), e lo schiaffo a Joffrey idem. Brava C., mi stai piacendo.
  • Sansa, piccina ;_; il bene che ti voglio. Spero di vederla presto per più tempo, ma diciamo che quello che si è visto è stato perfetto. La sua espressione mentre dichiara la lealtà a Joffrey e che sua madre e suo fratello (e suo padre) sono traditori, o il modo in cui prende le parti di Ser Dontos. Perfetta.
  • Bran mi è piaciuto. Si vede la differenza dall'anno scorso, e il fatto che anche lui, piccino, volente o nolente, sta maturando. La 'durezza' delle risposte che dà mentre fa le veci di Lord, in particolare, mi è sembrata decisamente credibile e, a suo modo, giusta. E anche il sogno è stato reso benissimo.
  • DRAGONSTONE (aka "oddio dove comincio"). La perfezione. In realtà avrei voluto vedere Shireen, e spero proprio che in futuro abbia un minimo di spazio; naturalmente hanno dovuto accelerare un po' il tutto, il che comporta inevitabilmente dei tagli. Però quello che si è visto secondo me è impeccabile. Stannis è magnifico - per la serie 'gente uscita dai libri' di cui sopra, Melisandre inquietantissima e Davos. DAVOS. Una meraviglia. Tutti e tre gli attori hanno fatto un lavorone, ma lui è quello a cui sono più affezionata come pg, e Liam secondo me ha colto alla perfezione quello che è questo personaggio. Dalla lealtà a Stannis, indipendentemente da tutto, in tutti i modi in tutti luoghi in tutti i laghi, al modo in cui cerca di 'difenderlo' dalle follie di Mel. E' lui.
  • Lo sterminio dei bastardi di Robert, una scena quasi biblica, è stato parecchio pesante, soprattutto piazzato lì, tra capo e collo, in un momento relativamente tranquillo. (Non mi ricordavo della morte della bambina, che è stata forse la cosa peggiore ;_; #SOFFERENZA)
  • La Nightwatch. Okay, non mi aspettavo l'arrivo da Craster così presto, probabilmente perchè i miei ricordi circa il continuum spazio-temporale sono abbastanza confusi (ecco, le conseguenze del leggere troppo in fretta), però diciamo che in generale il tutto mi è piaciuto abbastanza. Craster a dire la verità me lo sarei immaginato un po' più grottesco, diciamo che aveva quasi un aspetto dignitoso - prima che aprisse bocca, chiaro - e Jon in questa versione meravigliosamente emo e incazzata col mondo ce piace. L'attrice che fa Gilly, che non conoscevo perchè ahimè, non ho mai visto Skins, è troppo carina e secondo me si è calata perfettamente nella parte, avrei voluto entrare nello schermo e abbracciarla. E oh, Sam, ti adoro - ma questo diciamo che prescinde abbastanza dall'episodio. John Bradley è la pucciaggine, per inciso. Okay. Magari andiamo avanti.
  • La parte di Dany non è certo la più avvincente quanto a trama, o per lo meno non lo è al momento, e spero che arrivi presto alle varie città, cosa che so già mi fogherà da morire. Però insomma, un po' il cuore mi si è sciolto alla vista di Drogon *lo accarezza virtualmente* e ancora una volta trovo che la resa sia qualcosa di impeccabile. Per inciso, Rakharo è un amore - nonchè considerevolmente gnocco - e quel breve scambio con Dany è stato tenerissimo. Mi sono ritrovata a pensare 'ragazza, ma se proprio devi metterti con qualcuno, io un pensierino ce lo farei - per dire, eh.'
  • Arya e Gendry sono stati fantastici anche per quel mezzo secondo in cui si sono visti, e ho amato che il dettaglio che hanno scelto di mostrare sia stato lui che la aiuta a salire sul carro. 
  • Mi è un po' mancata l'orgiazza highgardeniana, se devo essere sincera (è una delle cose che mi incuriosiscono di più, in effetti, al di là dell'amore per le persone che vi partecipano) e Brienne. Mondo, dammi Brienne, per piacere. D'altra parte suppongo che inserire più roba di così fosse semplicemente improponibile. (...) PERO' ORA DATEMI BRIENNE.
  • Vorrei, infine, spendere una parola (ho già menzionato qualcosa nei vari punti) su quant'è perfetto questo cast. Potrei nominarli uno per uno, perchè davvero, mi lasciano ogni volta senza parole. Nikolaj e il suo Jaime che, nonostante la spossatezza, rimane inesorabilmente 'lui', Lena che fa venire i brividi per quanto E' Cersei, Jack che poveraccio, fare quella parte non deve essere per niente facile, la triade dragonstoniana (Stephen/Carice/Liam) che mi ripeterò, ma sono impeccabili, Richard che secondo me ha reso perfettamente il modo in cui Robb sta 'maturando', o se non altro prendendo confidenza con il ruolo che ha. Non apriamo neanche il capitolo dei 'bambini' (ormai solo più tra virgolette), che come dico sempre si comportano con una sicurezza e una professionalità superiori a quelle di molti colleghi ben più adulti e navigati.
Quindi insomma, finale della storia, AKSDJDJ DATEMI LE PROSSIME. Subito. Forza. Cosa state aspettando?
Tags: !italian post, madness, review, tv: game of thrones
  • Post a new comment

    Error

    Anonymous comments are disabled in this journal

    default userpic

    Your IP address will be recorded 

  • 15 comments